Home Page - F.W.A.

Get the Flash Player to see this player.

» Home Page «

novembre 2007 - Giallo è bello, non solo in Oriente.

La rarità non sempre è un pregio assoluto per una gemma. Una estremamente ridotta quantità di materiale disponibile infatti puo sì far la gioia del collezionista, ma d'altro canto può limitare la conoscenza e la diffusione di una gemma, fattori questi necessari per far crescere la richiesta e di conseguenza il prezzo di mercato di un prodotto.

Qualcosa di simile è avvenuto, fino ad un paio di anni fa, per le tormaline gialle. Ogni tanto arrivava in commercio qualche campione di un bel giallo intenso, variabile dal limone al dorato, ma sempre troppo pochi pezzi per permettere la nascita di un mercato per questa gemma. Questi campioni venivano prevalentemente dal Madagascar, dal Kenya e da altri paesi africani.

Vicino a Lundazi, nella Zambia orientale, a pochi chilometri dal confine col Malawi, già negli anni settanta erano stati segnalati dei campioni di tormalina gialla e, nella seconda metà degli anni ottanta, la ZCCM (l'azienda mineraria di stato) aveva estratto qualche tonnellata di materiale misto.

Tutto era poi stato abbandonato fino agli inizi del nuovo millennio, quando la Canary Mining Ltd., poi divenuta Canary Gemstone International DMCC. con sede a Dubai, ha ricominciato a sfruttare la miniera e soprattutto ha iniziato una distribuzione regolare del prodotto lavorato sui mercati orientali, soprattutto in Giappone. 

Gran parte del materiale estratto permette il taglio di pietre piccole ( sotto il carato ), molto adatte però, grazie alla notevole brillantezza ed alla vivacità del colore, al taglio di pietre calibrate. Il prezzo al carato delle gemme di buona qualità è elevato, "nella fascia della tanzanite, con cui forma un notevole connubio di colori" come mi ha spiegato la signora Rita Mittal, una dei soci della Canary Gemstone. D'altra parte la ridotta disponibilità di questa gemma ne giustifica il valore.

Dopo l'Oriente la distribuzione della "Canary Tourmaline" è iniziata anche negli Stati Uniti ed in Europa.

Siate dunque pronti a sentirvi fare domande su questa "new entry" e, buone vendite!!

Articolo pubblicato venerdì 4 gennaio 2008